Ogni nuovo anno arriva con la sua costellazione di eventi e novità, ma cosa ha in serbo il 2013 per i viaggiatori di tutto il mondo?

Una risposta ha provato a darla il New York Times, con una lista dettagliata di 46 località che quest’anno ospiteranno qualcosa di memorabile, che hanno operato grossi cambiamenti, oppure che semplicemente sono state riscoperte e hanno messo in luce un nuovo irresistibile fascino.

Non poteva mancare il Brasile con Rio de Janeiro. La nazione sudamericana si sta rimettendo a lustro per ospitare il campionato del mondo di calcio del 2014 e i giochi olimpici del 2016. Massicce operazioni di polizia stanno tentando di riprendere il controllo sui quartieri periferici in mano ai cartelli della droga – con esiti spesso non chiaramente valutabili sul piano della vita dei loro abitanti – e la mecca del Carnevale si è aperta a un turismo più sofisticato con l’apertura della Cidade des Artes – nuova sede dell’orchestra sinfonica brasiliana – e una mostra di artisti colombiani che comincerà il 23 marzo a Casa Daros.

ipanema_eletrotter

Scorrendo la lista del quotidiano newyorkese arriviamo ad Amsterdam, i cui musei Stedelijk e Rijksmuseum – due dei principali palchi riservati all’arte dell’intera città – sono rimasti chiusi per circa un decennio a causa dei lavori di restauro. La città famosa in tutto il mondo per i suoi coffee shop è sempre stata un vivace centro artistico e cultura, e ora c’è una ragione in più per apprezzarne appieno la ricchezza che ne proviene. Sempre che riusciate a rimanere lucidi.

amsterdam_MorBCN

Arriviamo così anche a Istanbul, che di recente è stata inclusa nell’itinearario ferroviario di Eurail. Comprare un pass per il 2013 e recarsi in Turchia potrebbe dare la possibiltà a molti di partecipare a uno dei numerosi eventi culturali di cui sarà protagonista la città e di visitare il Museo dell’Innocenza del premio nobel per la letteratura nel 2006 Orhan Pamuk. Aperto l’anno scorso, il museo è ispirato all’omonimo romanzo di Pamuk, un racconto che descrive la vita a Istanbul tra gli anni Cinquanta e il 2000.

C’è spazio anche per l’Italia sulla lista, in particolare per Vernazza, grazioso paese delle Cinque Terre che si è ripreso dalle alluvioni del 2011 e ora riscopre il suo fascino con rinnovata vivacità. E fa piacere sapere che il restauro del paese è improntato al rispetto per l’ambiente e per la natura circostante, aspetto che ha richiamato l’impegno dell’architetto britannico Richard Rogers, vincitore nel 2007 del premio Pritzker.

cinque-terre-liguria-trekking

Preseguendo la lettura della lista si giunge anche in Sud Africa. Constantia, una località nei pressi di Città del Capo adagiata sul fianco di Table Mountain, vanta la presenza di 10 diverse aziende agricole dedicate alla produzione di vino, alcune delle quali fondate addirittura nel XVII secolo. Ora nuove strutture si sono aggiunte per accogliere i visitatori intenti a partecipare ai famosi wine tour per degustare i prodotti enogastronimici locali: lussuosi ristoranti, alberghi raffinati e agriturismi per soddisfare il palato sia dei visitatori affamati che di quelli assetati.

A proposito dell'autore

Flavio Alagia

Laureato in Giornalismo, il mio limbo professionale mi ha portato dagli uffici stampa alla carta stampata, per poi approdare al variopinto mondo della comunicazione digitale. Ho vissuto a Verona, Zurigo, Londra, Città del Capo, Mumbai e Casablanca. Odio volare, amo lo jodel e da grande voglio fare l'astronauta.

Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: