Se volessi paragonare Budapest ad una persona sarebbe un adolescente curioso di conoscere il mondo, aperto alle novità ma al tempo stesso legato ai suoi valori frutto di un’austera educazione. Una città ordinata e accogliente dove poter fare tante attività oltre i classici e imperdibili itinerari turistici fra le sue tre anime: Buda, Pest e Obuda.

Ecco 3 esperienze da non perdere a Budapest

1- Passeggiare al tramonto a Margit Sziget.

L’isola di Margherita è un fantastico parco nel Danubio che ogni estate ospita il famoso Sziget Festival. Qui, durante le belle giornate primaverili, è piacevole fare jogging, organizzare un pic nic o semplicemente godersi una splendida passeggiata al tramonto sulla riva del fiume.

Il parco dell’isola è molto grande e passeggiando si può ammirare la statua celebrativa dei 100 anni dall’unificazione della città, un padiglione per concerti, la fontana della musica dove gli zampilli si coordinano con un gioco di luci e suoni e infine lo zoo e il giardino giapponese.

Quel che resta della statua di Lenin

2 -Visitare il Memento Park

Mentre molti paesi comunisti hanno festeggiato il crollo del regime distruggendo le statue rappresentative di quel periodo storico, a Budapest hanno pensato di esporle in un parco appena fuori città dove hanno allestito anche un piccolo museo della memoria che vi aiuterà a conoscere e a comprendere meglio tanti aspetti di questa città che si è aperta alla libertà in tempi molto recenti, godendo per la prima volta del diritto al voto nel 1990. Ad accogliervi gli stivali della grandissima statua di Lenin. Il parco è raggiungibile con un autobus che parte ogni giorno alle 11 da Deák tér (ci si arriva con la metro N.1, N.2 and N.3). Troverete un bus con insegna Memento Park.

Le scarpe sul Danubio. Opera di Can Togay.

3- Ammirare i murales del quartiere ebraico. Budapest ospita la più grande sinagoga in Europa, lasciatevi sorprendere dalla street art di questo quartiere. I murales e le statue trasmettono forti emozioni, ciascuno riportando un messaggio in memoria degli ebrei ungheresi perseguitati.

Inutile dire che la frizzante vita notturna, le terme e l’ottimo vino ungherese saranno una ragione in più per amare questa città!

Statue al Memento Park

 

Opere al quartiere Ebraico

 

Street art a Budapest

A proposito dell'autore

AntonellaCosenza

Se usate l'immaginazione scoprirete che le vostre fantasie di esplorazione e le vostre esperienze possibili sono letteralmente infinite. Provo ad esplorare la vita tutti i giorni e raccolgo le mie esperienze in ciò che scrivo e fotografo. Su instagram sono @antonella.cosenza

Post correlati

Lascia un commento