In tanti ci domandano il perché della nostra scelta di viaggiare in camper, e oggi vogliamo cercare di dare una risposta in 8 punti

1. Risparmio assicurato

Viaggiare in camper sicuramente consente di risparmiare tantissimo. Certo bisogna calcolare il costo del carburante e naturalmente bisogna prima procurarsi un camper, ma se poi lo si utilizza spesso il costo viene ammortizzato nel tempo. Non consigliamo invece di affittare il camper, se non per provare l’esperienza prima di un ipotetico acquisto: allora sì che si spende tanto!

Se poi deciderai di lanciarti nell’acquisto del tuo mezzo, sappi che ovviamente potrai scegliere tra tanti modelli e orientarti anche verso l’usato: controlla che tutto sia funzionante e ben tenuto, che i km già percorsi non siano troppi e non fermarti solo al lato estetico.

A quel punto, camper preso, comincia il risparmio: i campeggi, per quanto di lusso, costano sempre meno di un hotel, e a volte ti faranno pagare a mezzo e non in base al numero di persone. Questo significa che le famiglie numerose ci guadagnano parecchio!

Non sarai costretto a mangiare fuori ogni volta, evitando quindi tutti gli esborsi economici del caso, e potrai decidere di investire i soldi risparmiati in giorni aggiuntivi di vacanza o in ulteriori esperienze.

Di solito noi spendiamo in 3 settimane tanto quanto coppie di amici spendono per una settimana in hotel o villaggio vacanze, volo compreso. E non parliamo del risparmio nel visitare i parchi di divertimento col camper…!

2. Libertà totale

Specialmente all’estero i campeggi sono tantissimi, quindi difficilmente abbiamo bisogno di prenotare il nostro soggiorno. Questo si traduce in libertà totale: possiamo vagabondare quanto e dove vogliamo, non abbiamo tabelle di marcia stabilite e possiamo spostarci di giorno in giorno, fermandoci anche fuori programma in un posto che ci colpisce particolarmente.

Noi adoriamo non sentirci vincolati e scegliere di volta in volta cosa fare. Riprendendo il punto precedente, nessuno ci obbliga a mangiare fuori se non ne abbiamo voglia o non ce la sentiamo.

Possiamo concederci un buon caffè ovunque nel mondo e anche un buon piatto di pasta, o comunque qualsiasi cosa ci vada. Possiamo divertirci a cucinare con i prodotti tipici del luogo che stiamo visitando oppure farci coccolare da uno chef stellato: sta solo a noi decidere.

3. Pulizia, spazio e ordine

Per chi è un po’ maniaco dell’ordine e della pulizia il camper è la soluzione ideale. Pulisci tu quanto e come vuoi, ma magari per qualcuno il fatto di doverlo fare può rappresentare un “contro”. In vacanza in fondo ci si vorrebbe solo e soltanto rilassare!

In realtà gli spazi di un camper non sono così ampi, quindi anche lavare per terra non ti porterà via più di un paio di minuti, e con un po’ di accortezza riuscirai a mantenere il tuo mezzo sempre sistemato.

In più avrai sempre tutto in ordine: vestiti, scarpe, cosmetici…c’è spazio per tutto ciò che di solito infiliamo in valigia, ma anche per molto altro! L’unico consiglio che ci sentiamo di darti è quello di tenere tutto in ordine e di studiare soluzioni pratiche per risparmiare spazio: come già detto un camper non è enorme, e se non si presta un minimo di attenzione tutto può diventare un gran caos.

4.  Stesso letto, stesso bagno

Sembrerà stupido, ma vuoi mettere la gioia di dormire sempre nel tuo letto e di usare sempre il tuo bagno? Non so se capita anche a te, ma a volte cambiare ambienti può ad esempio far dormire male. Altro cuscino, altro materasso, troppe coperte, troppo poche…In camper non avrai problemi di sorta, perché sarà come avere casa tua in ogni posto del mondo. Tu ti sposti e la tua casa si sposta con te. Letto e bagno inclusi.

5. Un bidet… anche in Francia!

Ok, questo è la tipica critica rivolta ai cugini d’Oltralpe, ma non solo a loro. All’estero il bidet non esiste, è qualcosa di leggendario e mitologico tanto quanto gli unicorni e il Molise.

Però esiste il bidet da camper, che in realtà è una sorta di bacinella che dovrai incastrare nel wc al bisogno.

E poi potrai felicemente detergerti mentre, per dire, osservi dal finestrino la Torre Eiffel… Lusso davvero per pochi eletti.

6. Dieta, intolleranze? No problem!

Questo potrebbe a dire il vero essere inglobato nel punto 2.

Oggigiorno sono tante le persone che seguono diete, regimi alimentari particolari o soffrono delle intolleranze più disparate, e per loro potrebbe essere particolarmente adatto il camper.

Perché magari sei vegetariano, ma proprio nel paesino in cui hai deciso di trascorrere la tua giornata di vacanza servono solo insalatina, e tu sei bello che stufo perché di insalata ne hai già mangiata a quintali nei giorni precedenti. Ecco: puoi pranzare nel tuo camper, dimenticarti l’insalata e cucinarti un bel burger di soia.

A parte gli scherzi, avevamo un’amica che di problemi alimentari ne aveva a valanghe e si lamentava sempre di non riucire mai a mangiare con un minimo di varietà quando era in ferie, quindi parliamo a ragion veduta.

7. È pet friendly

Se hai un animale domestico a cui sei legato siamo sicuri che ti piangerà il cuore all’idea di lasciarlo presso qualche amico/parente/pensionato. Ma non sempre gli hotel sono pet friendly

Neanche tutti i campeggi lo sono, sia chiaro, ma solitamente gli animali sono bene accetti, magari a fronte di un piccola quota extra da pagare.

Però poi potrete stare tutti insieme e Fido avrà tanto spazio per stare anche all’aria aperta. In fondo senza i nostri amici animali come si potrebbe parlare di famiglia al completo…?

8. Per i bimbi è una pacchia!

Se pensiamo agli altri cuccioli di casa, ecco che viaggiare in camper può risolvere tante piccole e grandi noie. I più piccini infatti non avranno problemi ad essere accuditi, cambiati, lavati e nutriti, e i più grandicelli si divertiranno un sacco tra letti a castello e dinette che da tavoli si trasformano in lettini. Scommettiamo che impazziranno alla sensazione di andare all’avventura?

viaggiare in camper

Viaggiare in camper: conclusioni

Abbiamo riassunto i punti fondamentali per cui amiamo così tanto viaggiare in camper, a tratti ironizzando un po’, ma crediamo fermamente che questo sia il modo più congeniale a noi per esplorare il mondo.

Col camper siamo andati in viaggio di nozze, organizziamo fughe per il weekend e ci concediamo lunghi viaggi sia estivi che invernali. Con noi a volte viaggiano mamme, nonne, nipotine piccole, cani… e si sta benissimo tutti insieme. In coppia, poi, è fantastico: sapessi quante cenette romantiche, quante colazioni speciali e quanti aperitivi home made ci siamo preparati in questi anni.

Certo gli spazi sono limitati, quindi bisogna essere molto coordinati per evitare di pestarsi (letteralmente!) i piedi: vivere in camper è un po’ come imparare a danzare. Non è per tutti, su questo non si discute: innanzitutto deve piacerti guidare, perché comprare un camper ha senso se si vuole viaggiare molto, e poi devi essere disposto ad occuparti di piccole incombenze domestiche, come rifare il letto e lavare i piatti. E magari la doccia meglio farla nei bagni del campeggio…

Ma per il resto possiamo garantirtelo: il camper per noi è vita, e lo consigliamo a tutti di tutto cuore.

A proposito dell'autore

Due camperisti, marito e moglie, avventurosi e in esplorazione dei dintorni di casa... e non solo. Amanti dell'abitar viaggiando e del muoversi slow per scoprire la vera essenza dei luoghi visitati. Mete privilegiate Italia ed Europa, con un occhio di riguardo anche verso i parchi di divertimento. Che altro dire di noi? Le definizioni ci calzano strette! Potremmo dire che siamo un po’ pazzi, molto pasticcioni, tanto innamorati e con una valigia piena di sogni e progetti. Ci siamo lanciati nel mondo del travel blogging un po’ per caso, ma di sicuro ci stiamo mettendo cuore e impegno per crescere e offrirvi sempre più qualità. La nostra speranza è di riuscire pian piano a farvi conoscere posti nuovi, ma anche di farvi vedere con occhi diversi e pieni di meraviglia luoghi che date per scontati. Magari proprio dietro casa vostra!

Post correlati

1 risposta

  1. Gianluigi

    In tutto, mi ritrovo proprio in tutto. Direi anche che, avendo il camper, cogli molte più occasioni per uscire, fare un weekend, una gita, anche solo fuoriporta. E poi, quando capita di dover spostare le date delle tue vacanze … no problem.
    C’è anche un’altra cosa, molto importante: succede nella vita che alcune condizioni di salute cambino e il camper, attrezzato appositamente, ti permette di superare anche difficoltà che in altro modo sarebbero insuperabili, e ti regala ancora quel poco di libertà che riesci a concederti.

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: