In Toscana, alle pendici del Monte Albano, sorge un piccolo borgo medievale: Vinci. Questo nome dovrebbe già farvi venire in mente qualcosa… O qualcuno: stiamo parlando infatti del grande genio Leonardo da Vinci! E’ proprio qui che questo artista famoso in tutto il mondo è nato e cresciuto e ancora oggi conserva l’aura di quello che fu il luogo di formazione di uno dei personaggi più importanti della storia.

Il borgo di Vinci si sviluppò in periodo medievale intorno al Castello dei Conti Guidi, nobile famiglia che dominò per molto tempo su tutta la Toscana.

il borgo di vinci

Il museo Leonardiano

Ancora oggi la torre del castello domina il piccolo borgo e al suo interno è stata allestita una parte del museo Leonardiano dove è possibile ammirare modelli in scala ridotta di alcune delle invenzioni più famose dell’artista.

Al primo piano troviamo invece la bella sala del Podestà che, nonostante sia stata ristrutturata, conserva ancora affreschi appartenuti ai podestà che hanno governato a Vinci e una bellissima Madonna con bambino in terracotta invetriata realizzata da Giovanni della Robbia, famoso artista Fiorentino.

Il museo Leonardiano

La torre dei Conti Guidi è legata anche alla storia di Cecco Santi, capitano dell’armata di Vinci, che tradì il suo popolo per amore: si racconta che dopo essere stato catturato e ricondotto nel borgo, venne condannato alla gogna pubblica e successivamente portato in cima alla torre per essere gettato nel vuoto.

Ma la leggenda narra che Cecco riuscì miracolosamente a salvarsi compiendo un grande salto ed atterrando nella collina di fronte. Quell’anno il raccolto di olive ed uva fu molto abbondante e da quel giorno, ogni anno a luglio, viene realizzata una rappresentazione del “Volo di Cecco Santi” per portare prosperità e abbondanza nei raccolti.

Nella piazza che si affaccia sotto la torre, oltre a poter ammirare un bellissimo panorama collinare dell’area circostante, troviamo una grande riproduzione in legno dell’uomo vitruviano di Leonardo, realizzata da Mario Cerioli nel 1987.

Il museo Leonardiano

Piazza Guidi

Proseguendo nel piccolo borgo si arriva poi nella Piazza Guidi, dove troviamo una particolare pavimentazione realizzata da Mimmo Palladino nel 2006 sulla quale sono rappresentati schematicamente e su più livelli alcuni disegni che rappresentano gli studi di Leonardo, tra i quali troviamo numeri, figure geometriche e umane.

Il pavimento è realizzato con lastre di cardoso e mosaici di vetro argentato grazie ai quali la piazza cambia aspetto durante le giornate di sole (le immagini riflettono la luce e diventano brillanti) e durante le giornate di pioggia (la pavimentazione diventa scura e mette in risalto le immagini).

La Palazina Uzielli

Di fronte alla piazza troviamo la Palazina Uzielli, così chiamata in onore di uno dei più grandi studiosi di Leonardo da Vinci, ed ospita un’altra parte del museo Leonardiano che racchiude altre opere in scala dell’artista e una sezione dedicata all’anatomia con disegni e rappresentazioni anatomiche in cera.

il paese di vinci dall'alto

La Chiesa di Santa Croce

Nel centro storico di Vinci è possibile visitare anche la Chiesa di Santa Croce, dove al suo interno si trova un fonte battesimale nel quale Leonardo sarebbe stato battezzato la notte del 15 aprile del 1452.

La particolarità del borgo sta anche nel fatto che è sviluppato su uno sprone che ha la forma di una mandorla e visto dall’alto sembra una nave con due alberi maestri, rispettivamente la torre dei Conti Guidi e il campanile della chiesa di Santa Croce.

La Strada Verde

Oltre il borgo è possibile visitare e fare passeggiate tra i bellissimi sentieri presenti nelle aree circostanti, ma uno dei più famosi è sicuramente la Strada Verde, un meraviglioso percorso che si snoda tra gli uliveti e che collega Vinci ad Anchiano, dove si trova la casa natale di Leonardo da Vinci, un luogo immerso nel verde e circondato da colline, uliveti e vigneti.

La Strada Verde, vinci

La casa natale di Leonardo da Vinci

Qui il genio sarebbe nato e cresciuto con i nonni paterni e lo zio Francesco, formandosi grazie alle tante risorse che aveva intorno quali l’acqua dei ruscelli del Monte Albano, le piante, i fiori e gli uccelli. Qui vi rimase fino all’adolescenza, quando poi decise di lasciare Vinci e trasferirsi a Firenze dal padre.

Nel complesso della casa natale di Leonardo possiamo trovare un video in 3d nel quale il personaggio di Leonardo ripercorre la sua storia attraverso i suoi disegni, le sue invenzioni e i suoi quadri più famosi e in un altro spazio allestito potrete trovare un plastico che vi racconterà le tappe del suo ultimo viaggio che lo condusse in Francia, alla corte del re Francesco I.

Nello stesso edificio è ancora possibile osservare il pavimento originale dell’abitazione, il grande camino e lo stemma araldico della famiglia da Vinci e in un altro spazio espositivo invece potrete interagire con l’Ultima Cena, uno dei dipinti più famosi di Leonardo, scoprendone la storia e le curiosità.

casa di leonardo da vinci

Villa del Ferrale

A metà strada tra Anchiano e Vinci si trova la Villa del Ferrale, dove potrete visitare una mostra dedicata interamente ai dipinti di Leonardo Da Vinci con la riproduzione fedele di tutti i suoi quadri che ad oggi si trovano sparsi in tutto il mondo!

Dove soggiornare a Vinci

L’area di Vinci è famosissima per il suo olio, il suo vino e la sua cucina!

E’ possibile soggiornare nelle vicinanze grazie ai vari agriturismi che offrono tantissimi servizi e in più, nel mese di luglio sarà possibile partecipare alla famosissima Festa dell’Unicorno, un festival a tema Fantasy che attira persone e turisti da tutta italia, che ogni anno si ritrovano nel borgo trasformandolo in una terra mistica e fatata con maschere, carri allegorici, spettacoli e concerti!

Il borgo di vinci

Se vi ho incuriosito con questo articolo, vi consiglio di visitare il sito www.tuscanyphotoatelier.it per programmare la vostra visita alla scoperta di Vinci e del grande genio Leonardo da Vinci!

A proposito dell'autore

Sara Morini

Sono Sara, ho 35 anni e sono una guida turistica abilitata. Abito in una delle regioni più belle d’Italia, la Toscana, precisamente a San Miniato, un bellissimo borgo medievale tra Pisa e Firenze! Sin da piccola ho sempre avuto un grandissimo amore per l’arte e adesso vivo la mia vita tra visite guidate, opere d’arte e viaggi intorno al mondo!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.