Il Cammino di Santiago di Gran Canaria – Le 3 tappe

Sapevate che il famoso Cammino di Santiago attraversa anche Gran Canaria? Si tratta di un percorso lungo 66 chilometri che parte da Maspalomas fino a Gáldar, città che il 25 luglio festeggerà l’Anno Santo Giacobeo al pari di Santiago de Compostela.

Il Cammino di Santiago ha infatti numerose varianti: ci sono quello francese, quello inglese, quello portoghese e quello del nord e tutti hanno come meta finale Santiago de Compostela.

Il Cammino Giacobeo di Gran Canaria attraversa dune, paesaggi vulcanici, riserve naturali  e siti archeologici, in soli 66 chilometri di percorso porta a scoprire tutti gli ambienti dell’isola.

Prima tappa

Il Cammino inizia dalle dune di Maspalomas, nel sud di Gran Canaria: prima tappa è il villaggio bianco di Fataga, situato in una gola naturale conosciuta come la Valle delle Mille Palme.

Da qui il percorso attraversa la necropoli di Arteara, il più grande cimitero aborigeno di Gran Canaria, e arriva a Tunte, dove si trova la chiesa giacobina di San Bartolomé.

Dal belvedere astronomico Degollada de las Yeguas si ammirano la bellissima costa di Maspalomas e il canyon di Fataga. Secondo la tradizione, il tratto di sentiero che va da Maspalomas a Tunte fu creato da alcuni marinai galiziani nel XV secolo, ispirati dallo stesso San Giacomo a costruire un eremo sulle alture di Tirajana per la grazia di cui godettero mentre superavano una terribile tempesta nell’oceano.

necropoli di Arteara
Necropoli di Arteara

Seconda tappa

Dopo Tunte, inizia il secondo tratto del Cammino che porta a Cruz de Tejeda e abbraccia le cime di Gran Canaria, caratterizzate da un’orografia accidentata, descritta dallo scrittore Miguel de Unamuno come “tempesta pietrificata”.

Parador de Cruz de Tejeda
Parador de Cruz de Tejeda

Questo segmento attraversa luoghi straordinari come la Caldera de Tirajana e anche un sito patrimonio mondiale dell’UNESCO: la Riserva della Biosfera di Gran Canaria, che è così grande che racchiude il 46% del territorio di Gran Canaria. I suoi visitatori possono godere del Parco Naturale di Tamadaba e della Ventana del Nublo (Finestra delle Nuvole), uno dei migliori punti panoramici dell’isola.

Parco Naturale di Tamadaba
Parco Naturale di Tamadaba

Terza tappa

La parte finale del Cammino di Santiago, che collega la Cruz de Tejeda a Gáldar, è forse la parte più speciale del percorso, caratterizzato da conformazioni vulcaniche e meravigliosi paesaggi agricoli con piccoli insediamenti rurali.

In questo tratto si ammirano il Risco Caído e le Montagne Sacre di Gran Canaria, patrimonio mondiale dell’UNESCO. C’è anche la possibilità di vedere la Caldera de los Pinos de Gáldar, un sorprendente cratere che ospita pini centenari.

Tappa finale del Cammnino è Gáldar, capoluogo di uno degli antichi regni dell’isola, che nel 2021 festeggia l’Anno Santo Giacobeo, a distanza di 11 anni dall’ultima celebrazione.

gran canaria camino

Gáldar, antica capitale di Gran Canaria

Gáldar rientra tra le sedi della storia di San Giacomo in quanto fu la prima località al di fuori della terraferma spagnola a essere designata come luogo santo sul Cammino: nell’epoca in cui gli spagnoli non avevano ancora stabilito il loro insediamento nelle isole Canarie, il vescovo Don Juan de Frías celebrò per la prima volta la messa a Gáldar il giorno di San Giacomo nel 1482.  

Passeggiare per le strade di Gáldar significa immergersi nella grandezza di quella che fu la città principale dei guanartemes, i capi aborigeni dell’isola, e che possiede una ricca eredità culturale, artistica e architettonica.

Dal magnifico museo e parco archeologico Cueva Pintada, fondamentale per conoscere il passato aborigeno delle Isole Canarie, alla via Capitán Quesada (o Calle Larga), epicentro commerciale e vitale della città vecchia.

Passeggiando a Gáldar si trovano palazzi in perfetto stato di conservazione, piazze che trasportano i visitatori in un’altra epoca, strade pedonali con affascinanti taverne e, naturalmente, il tempio di Santiago de los Caballeros. Questo singolare luogo di culto si trova nella Plaza de Santiago de Gáldar: con le sue tre ampie navate e quindici cappelle, è uno dei monumenti più rappresentativi delle Isole Canarie e conserva parte dell’eredità culturale legata all’apostolo San Giacomo (Santiago).

Gáldar
Gáldar

Il periodo migliore

I mesi migliori per intraprendere il cammino di Santiago di Gran Canaria è l’inverno, ma anche in autunno e primavera si trovano belle giornate e temperature accettabili.

L’estate fa troppo caldo e camminare tutto il giorno sotto il sole non è sicuramente piacevole. Inoltre in estate ci sono molti più turisti che durante le altre stagioni, per cui se siete alla ricerca di pace e tranquillità evitate il mese di agosto.

gran canaria la sera

Cosa portare

Portate nello zaino una felpa e giacca a vento per le giornate ventose e per le zone più elevate dove le temperature sono più basse rispetto alla pianura. In inverno portate anche una giacca pesante ma soprattutto scarpe comode e con una buona suola (non scarpe da tennis per intenderci).

Una borraccia d’acqua è fondamentale, così come una torcia nel caso siete ancora in cammino al calare della sera.

Buon viaggio e se avete domande lasciare un commento qui sotto..