Toronto è una città che va in letargo. 

Camminando per i marciapiedi a gennaio la si trova un po’ vuota, tranne che per il traffico che prende d’assalto le strade durante le ore di punta. È una popolazione ingombrante e rumorosa, quella che si vede in giro tra le quattro e le sei: minivan, SUV, auto che da noi rientrerebbero nella categoria delle station wagon e che qui sono considerate mere utilitarie. Ma dov’è la gente, i due milioni e mezzo di Torontonians? 

Sono nel PATH, il dedalo di centri commerciali e food court che si snoda sotto le torri del Financial District. Camminano veloci per andare a prendere un coffee to-go dal canadesissimo Tim Hortons, corrono a prendere il treno o la metropolitana senza bisogno di salire in superficie, dove fa -15°C e magari nevica.

Il PATH di Toronto si estende per 28 km e permette di muoversi sottoterra dalla stazione ferroviaria principale, Union Station, fino a raggiungere cinque fermate della metropolitana, un paio di grandi magazzini e una cinquantina di edifici occupati quasi interamente da uffici: le grandi società multinazionali di consulenza, le principali banche canadesi, chiunque voglia contare qualcosa nella finanza di questo Paese cerca di trovarsi un posto qui, a sud dell’Eaton Center e a nord di Union Station. Più giù c’è il grande dimenticato dell’inverno cittadino, quel lago Ontario che in downtown è quasi completamente nascosto dai palazzi e dell’assai brutta sopraelevata dell’autostrada.

Sono questi i canadesi che incontri d’inverno, formiche laboriose che si spostano dall’ufficio al bar alla stazione all’auto, tutto senza guardare in su. È per questo, ci hanno raccontato, che qui raramente la gente usa l’ombrello: si sta così poco all’aperto che portarselo dietro è una seccatura non necessaria.

Tra marzo e aprile succede però qualcosa di misterioso, tempo permettendo: Toronto, come un orso che sembrava addormentato, esce dal letargo. In maggio, poi, la stagione del patio è ufficialmente aperta. Spuntano le ciabattine infradito (ci sono ancora solo 15°, ma lo spauracchio del sottozero evidentemente sembra abbastanza lontano), le borse di paglia, si lucidano i barbecue e si sistemano i giardini. D’estate Toronto è di nuovo un formicaio di attività, questa volta all’aperto. C’è ancora gente sottoterra, ma camminano più veloci: ci sono una birra fredda e la grigliata ad aspettarli nella veranda di casa o nel patio di uno degli innumerevoli locali downtown.

È proprio da maggio che finalmente si capisce perché qui spesso negli uffici non si fa pausa pranzo, ma si lavora 9-to-5. Ci sono così tante cose da fare che il solo weekend non sarebbe sufficiente per approfittare di tutto ciò che offrono i dintorni: ogni tipo di sport, concerti gratuiti in piazza, hamburger, gigantesche bevande ghiacciate da sorseggiare al parco, un bagno e tintarella sulle rive del bistrattato lago Ontario. Cercando attentamente si trovano così tanti eventi e fiere di quartiere e mostre e pranzi e musica e fuochi d’artificio che ci vorrebbe un’agenda per tenere il conto, e anche così sarebbe impossibile partecipare a tutto.

Fino a quando durerà? L’estate, dicono, inizia con il Victoria Day, il compleanno della regina Vittoria d’Inghilterra (quest’anno si festeggiava il 21 maggio) e se ne va dopo il Labour Day, il 3 settembre. Meglio approfittarne finché siamo in tempo.

A proposito dell'autore

KayWords

Dal profondo Nord Italia, diretta chissà dove. Viaggio, scrivo, parlo. Ma leggo e ascolto anche, e amo studiare le lingue perché mi irrita non capire le persone. Viaggiare mi piace così tanto che da sei mesi ho una valigia come comodino.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata