La storia di Schwerin, nella Germania del Nord, comincia con un’imponente fortezza su un’isola del Lago di Schwerin, eretta dalla tribù slava degli Obodriti. Nel 1160 Enrico il Leone, che già aveva portato alla gloria Lubecca, conquista il forte e fonda la città, ma nel corso dei secoli Schwerin avrebbe continuato a essere contesa, conquistata, persa e riannessa. Torri e mura furono distrutte e ricostruite nel corso del XVI e XVII secolo, e anche la Guerra dei Trent’Anni passò di qui con il suo carico di morte e distruzione. Una cosa però nessuna battaglia e nessun assedio riuscirono mai a portare via da qui: gli straordinari tesori artistici e culturali collezionati e raccolti attraverso le generazioni dai signori che hanno fatto di queste antiche mura la loro residenza.

Castello di Schwerin - Germania del Nord

Fu il duca Giovanni Alberto I di Meclemburgo-Schwerin il primo a cambiare radicalmente il volto del castello per trasformarlo da fortezza a residenza nobiliare. Eleganti decorazioni in terracotta giunsero da Lubecca per arricchire i magnifici saloni e le imponenti sale da ricevimento. Il Seicento portò invece una ventata di Rinascimento olandese, stile che permane ancora oggi negli edifici sopra le cucine nella sezione sopra la cappella. Venne aggiunto un locale per ospitare la collezione di dipinti del duca e il Teepavilloon, il “Padiglione del Té”.

Nell’Ottocento il granduca Federico di Meclemburgo-Schwerin avviò una nuova ricostruzione, introducendo elementi di gusto francese, una statua del condottiero slavo Niklot a cavallo in una nicchia della facciata e nuovi interni ridisegnati.

Castello di Schwerin - Germania del Nord

L’ultima metamorfosi risale al 1913, quando un violento incendio danneggiò gran parte del castello. Dal 1948 il castello e diviso tra museo e il parlamento del Meclemburgo-Pomerania Anteriore, che regolarmente si scontrano per contendersi le magnifiche sale di questa ex dimora principesca. Sia le sale interne che i giardini esterni sono di una bellezza fiabesca, un mondo di sfarzi e opere d’arte che allude a intrighi e amori leggendari, tradimenti e gesta eroiche.

Attorno al suo castello, la città di Schwerin si estende con grazia ed eleganza. Non mancano edifici e chiese nel caratteristico stile gotico anseatico con i loro tipici mattoni rossi, un’imponente cattedrale luterana né le graziose casette colorate con i tetti spioventi. Il centro storico è un’amabile cartolina da tenere tra le mani e ammirare in ogni angolo, un’altra delle tante perle di cui si fregia il bellissimo territorio della Germania del Nord.

Il press tour nella Germania del Nord è stato organizzato da Minube e dall’Ente nazionale del turismo della Germania. Per seguire i contenuti sui social media: #minubetrip e #germaniadelnord.

A proposito dell'autore

Flavio Alagia

Laureato in Giornalismo, il mio limbo professionale mi ha portato dagli uffici stampa alla carta stampata, per poi approdare al variopinto mondo della comunicazione digitale. Ho vissuto a Verona, Zurigo, Londra, Città del Capo, Mumbai e Casablanca. Odio volare, amo lo jodel e da grande voglio fare l'astronauta.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata