Nei nostri sogni c’è l’Alto Adige, inutile nasconderlo. Un posto che non lascia di certo indifferenti, un luogo dove pace e tranquillità regnano sovrani, dove la natura ha, da sempre, il ruolo principale. Da qualche tempo a questa parte però, c’è un modo di vivere la montagna e di conseguenza l’esperienza turistica, in una maniera ancor più vicina alla natura e al benessere: si chiama Vitalpina.

“I Vitalpina Hotels Südtirol trasmettono la sana gioia di vivere alpina dell’Alto Adige.”

Al momento sono 36 le strutture paradisiache che hanno sposato questa filosofia, la filosofia di vivere la montagna nella maniera più pura e assoluta in tre categorie principali: l’attività fisica, il benessere e la tavola.

 

 

Attività fisica

Da sempre montagna è sinonimo di attività fisica. Siamo abituati ormai da tempo a fare escursioni nel verde alpino contornati da pendii magici che rispondono al nome di Dolomiti. Con il programma Vitalpina, invece, non vi troverete solamente a passeggiare nella natura, ma sarete accompaganti da esperti del luogo e molto spesso dagli stessi gestori delle strutture alla scoperta di nuove sensazioni e nozioni.

In un prato dell’Alto Adige si possono trovare fino a 130 varietà di piante, alcune utilizzate anche nella medicina per le loro proprietà benefica. Con gli esperti Vitalpina scoprirete perché ortica, timo selvatico, alchemilla e achillea sono indispensabili tra le montagne altoatesine e spesso accompagnano anche piatti tipici sudtirolesi. Per di più nelle strutture Vitalpina viene attuato quotidianamente un programma denominato “Respira” che permetterà agli ospiti di essere attivi e al tempo stesso rilassarsi scoprendo attraverso tè, profumi, spezie, erbe aromatiche, massaggi  e soprattutto attività fisica i benefici e l’importanza di una respirazione corretta.

“Vitalpina Respira è un programma di respirazione molto accurato che vi regalerà una porzione supplementare di vitalità. Perché è proprio dal respiro che nasce l’energia vitale.”

Un’altra attività legata al benessere e alla corretta respirazione è il percorso Kneipp che stimola la circolazione sanguigna, del sistema nervoso e dell’epidermide, attraverso l’alternanza di acqua calda e fredda. Suggestivo e particolare il percorso suggerito a piedi nudi in salita, contro corrente attraverso i torrenti locali. Il tutto è ovviamente organizzato e supervisionato da fitness-trainer ufficiali Vitalpina.

“Noi albergatori non ci limitiamo ad accompagnarvi e guidarvi nelle escursioni o nelle arrampicate, ma siamo a vostra disposizione anche come esperti di erbe officinali, wellness trainer, guide di mountain bike, fotografi, cacciatori, musicisti e cuochi, nella speranza di condividere con voi il nostro amore e la nostra conoscenza dell’Alto Adige.”

Benessere

“È praticamente impossibile descrivere tutte le proprietà energizzanti che possiede la natura incontaminata dell’Alto Adige.”

Il benessere al giorno d’oggi è diventato parte integrante della vacanza in montagna. Moltissime strutture in Alto Adige sono comprensive di saune finlandesi, bagni al vapore, idromassaggi e trattamenti benefici per il corpo. Un albergo Vitalpina si differenzia dalle altre strutture proponendo un programma ricco di trattamenti benefici, curativi e aromatici a base di prodotti naturali locali quali quarzo, arnica, ginepro, pino mugo, erbe di montagna, siero di latte, lana, fieno delle malghe altoatesine e perfino mela e uva. Sono garantite almeno tre tipologie di massaggi differenti – tra cui l’esclusivo “massaggio Vitalpina” – e si ha sempre un particolare rispetto sia per l’ambiente che per la natura.

Vitalpina in Alto Adige

Spesso le strutture contengono piscine sia all’aperto che al chiuso e l’accesso, ovviamente libero, può trovare sbocco perfino in laghetti balneabili con percorsi benefici da percorrere a piedi nudi su superfici di quarzo, cortecce, aghifoglie, sabbia, terra e quant’altro, il tutto ovviamente made in Südtirol.

Un particolare di certo non trascurabile è l’accurata attenzione anche ai minimi particolari. Negli alberghi Vitalpina non si ha solo la fortuna di trovare camere in legno di cirmolo – pregiato legno autoctono dai documentati benefici nella respirazione e nel battito cardiaco – ma troviamo anche delle vere e proprie biosaune al legno di cirmolo.

A tavola

Non tutti sanno che in Alto Adige si possono trovare almeno 30 diversi tipi di canederli: allo speck, alle rape rosse ,alle ortiche, al grano saraceno, al formaggio, dolci o salati… Questo per dire come ci sia sempre una ricercata cucina locale dove ogni piatto viene concepito secondo canoni e principi di un’alimentazione sana e rispettosa per l’ambiente. Ogni pietanza viene preparata con ingredienti stagionali tipici della tradizione sudtirolese.

Solo in Alto Adige si trovano più di 1200 produttori di latte che trasmettono la materia prima per burro, yogurt e formaggi tipici. Ogni albergo vitalpina offre la possibilità all’ospite di usufruire di mezza pensione o pensione completa dove la cena raggiunge degli elevatissimi livelli di bontà, classe e genuinità. La gastronomia degli alberghi vitalpina si può considerare a tutti gli effetti alpino-mediterranea, nonché equilibrata, biologica e su richiesta è disponibile anche variante vegetariana.

Vitalpina in Alto Adige

A condire il tutto sciroppi, marmellate e succhi di frutta al naturale che racchiudono l’essenza sopraffina e il gusto ormai raro dei frutti dei boschi circostanti. Su tutti fragola, albicocca, lampone e sambuco (Holunder). Per poi concludere con le infinite possibilità di scelta di vini pregiati e grappe. Su tutti emergono le tre tipologie di uve autoctone altoatesine: la Schiava (Vernatch), il Gewürztraminer e il Lagrein.

Il più grande orto che si possa trovare è un prato di montagna. E qui in Alto Adige le erbe aromatiche sono presenti in ogni piatto, in particolare ortica e timo selvatico, senza dimenticare la onnipresente erba cipollina (Schnittlauch).

“Vitalpina significa vivere in maniera autentica, adeguata al contesto alpino in cui ci troviamo.”

 

A proposito dell'autore

Denis Strickner

Molto Travel e poco Blogger.
 Condividere emozioni, sentimenti e sensazioni con le persone che amo. Questa è la mia missione.
Raccontare storie e luoghi a cuore aperto è quello che so fare meglio ed è quello che continuerò a fare, per sempre.


Post correlati

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: