Dicembre 2011

Oxford è la città universitaria più antica dell’Inghilterra, situata a circa 80 km ad ovest di Londra. Si trova nella contea dello Oxfordshire e la sue sponde sono bagnate dal Tamigi, il fiume piu’ importante del Regno Unito.

Insieme a Cambridge, Oxford rappresenta l’istituzione accademica della Gran Bretagna: la sua universita’, composta da 39 college, e’ la piu’ antica del Regno Unito e celebre in tutto il mondo. Ma non solo: molte industrie sono presenti in questa regione, tra le quali la fabbrica della Mini che si trova a pochi chilometri di distanza, nel sobborgo di Cowley.

Arriviamo in auto da Cambridge in una giornata mite, soleggiata. Per nostra sfortuna e’ anche una giornata condizionata dallo sciopero del settore pubblico che in questi giorni sta creando caos in Inghilterra: scuole ed enti pubblici sono chiusi e molte famiglie sono a spasso per la citta’ riempiendo bars e ristoranti, oltre che negozi e centri commerciali.

Trovare un parcheggio ad Oxford e’ un impresa quasi impossibile con prezzi che salgono alle stelle man mano ci si avvicina al centro: molto meglio posteggiare l’auto in zone periferiche ed utilizzare i bus per raggiungere l’area pedonale.

A differenza di Cambridge, Oxford da subito l’impressione di essere più caotica, con molta più gente, con meno zone “tranquille”. Rimane comunque il fascino della città universitaria, dove gli studenti si spostano in bicicletta, dove i pubs sono frequentati da intellettuali, professori e scienziati.

Trovare un luogo appartato in cui pranzare o cenare non e’ sempre facile in quanto ristoranti e pub sono quasi sempre affollati: per fortuna, chiedendo in giro e seguendo i consigli della Lonely Planet, si trova sempre qualcosa di carino e caratteristico dove consumare un tipico piatto inglese.

La giornata di sole facilità senza dubbio la visita a piedi della citta’: camminiamo per ore, visitando i principali musei e chiese, ma sopratutto i college più importanti tra i quali spiccano Balliol University e Merton Colleges risalenti addirittura al tredicesimo secolo e considerati i più antichi della città.

Cio’ che si nota maggiormente all’interno degli istituti accademici e’ il silenzio e la quiete che regnano in cortili e atri: e’ una sensazione simile a quella che si prova visitando un seminario, un convento.

Come si puo’ immaginare, nei vari college tutto e’ in ordine e perfino l’erba dei giardini e’ tenuta in modo maniacale. Si riesce davvero ad immedesimarsi  nella vita delle migliaia di studenti che frequentano queste aule, questi spazzi, questi giardini: e’ come trovarsi sul set di un film cinematografico quale, per esempio, l’attimo fuggente.

Il mezzo migliore per apprezzare le bellezze architettoniche e naturali di Oxford e’ indubbiamente a piedi: camminare per ore, girovagando senza meta, permette di scoprire angoli nascosti e poco affollati della città.

Per fortuna usiamo le scarpe Stonefly: queste calzature, fin troppo comode, ci permettono di camminare a lungo, in modo facile, veloce e senza risentire dei soliti dolori ai piedi, gambe o schiena. Perfette e consigliate a tutti coloro che camminano molto, non solo in viaggio.

Ma allora Oxford e’ meglio di Cambridge? Personalmente trovo Cambridge una citta’ piu’ a misura d’uomo, meno commerciale, con un’atmosfera piu’ intima, raccolta. Difficile comunque fare una netta distinzione tra le due localita’ essendo molto simili tra loro.

Cosa vedere: inutile elencare le varie attrazioni turistiche della citta’, lasciando questo compito ad altri siti specializzati del settore o a guide turistiche come la Lonely Planet. Sicuramente da non perdere, oltre ai vari college, il Museo Ashmolean, il più antico d’Europa e il più prestigioso della città: al suo interno, tra le altre collezioni, si possono ammirare opere di Raffaello e Michelangelo.

Dormire: si trova un po’ di tutto ad Oxford, dall’ostello con camerate ad hotels a cinque stelle. Non mancano alloggi di medio livello, dove una camera doppia costa €50 a notte, con bagno privato, rifiniture di buon gusto, letti confortevoli, posizione centrale e con colazione inclusa nel prezzo.

Pasti: nonostante ad Oxford si trovi di tutto, personalmente prediligo i pubs, dove spendendo poco si mangia bene, in un’ambiente rilassato, informale, magari circondati da intellettuali e studiosi.

Come arrivarci:

Autobus:

Dalla stazione di Victoria Coach Station a Londra (poco distante da quella dei treni) ci sono numerosi autobus che partono per Oxford: il tempo di percorrenza e’ di circa un’ora e trenta minuti. Costo biglietto: 10£ solo andata e da 12 a 15£ andata e ritorno

Treno

I treni in direzione Oxford partono dalla stazione di Paddington a Londra (andata e ritorno a partire da 17 £) e sono molto frequenti (uno ogni mezz’ora)

Auto

Seguire le indicazioni per l’autostrada M4 e successivamente quelli per Oxford. Trovare un parceggio ad Oxford e’ un’incubo: come accennato nell’articolo, meglio lasciare l’auto in periferia e prendere un bus per il centro

A proposito dell'autore

Marco

Viaggiatore per il mondo con oltre 100 nazioni visitate nei 5 continenti. La passione per i viaggi è accompagnata da quella per la fotografia. Fondatore e autore di NonSoloTuristi.it e ThinkingNomads.com

Post correlati

4 Risposte

  1. Alessandro

    Ciao, sto leggendo un po’ il vostro blog, è molto interessante!
    Per studiare Inglese in qualche scuola cosa consigli? Oxford o Cambridge? Vorrei non considerare Londra per il suo caos e andare in un posto un po’ più tranquillo e con una bella atmosfera.
    Grazie

    Rispondi
    • Marco
      Marco

      Ciao Alessandro e grazie per il tuo commento 🙂

      Fai bene a non prendere in considerazione Londra perche’, come dici tu, troppo caotica e sopratutto con molti, troppi italiani. Per imparare l’inglese e’ necessario passare il maggior tempo possibile in compagnia di persone straniere, per cui sono da evitare assolutamente i connazionali.

      Consiglio Cambridge perche’ , come spiegato nell’articolo, la trovo una cittadina piu’ a misura d’uomo, meno caotica rispetto ad Oxford.

      Un’altra opzione e’ Bournemouth, nella zona sud ovest dell’Inghilterra: e’ sul mare e ci sono moltissime scuole ed istituti di lingua. Se ti serve qualche informazione per Bournemouth fammelo sapere e saro’ lieto di aiutarti.

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: