La scorsa volta mi sono soffermata sui musei e sui grattacieli che popolano Manhattan. Non male come inizio, ma sono sicura che molti di voi si staranno chiedendo anche cosa fare per divertirsi su quest’isola e magari anche come fare a procacciarsi vestiti all’ultimo grido, borse sfoggiate da fashion blogger acclamate oppure ultimi modelli di scarpe da ginnastica indossate dai campioni del basket.

Faccio delle dovute premesse: c’è n’è per tutti i gusti – e per tutti i portafogli –, i prezzi sono più o meno uguali tra negozi della stessa tipologia, il dollaro è un po’ più debole dell’euro… per cui non vi resta che pianificare il tempo che volete dedicare allo shopping!

Soho

Il posto migliore per fare shopping a Manhattan, specialmente sulla Broadway nell’area che va da Huston Street a Canal Street. Qui c’è il meglio dello shopping tipicamente americano: Victoria’s Secret, Top Shop, American Apparel, All Saints, Gap… Poi c’è il famoso department-store Bloomingdale’s che raccoglie centinaia di firme di medio-grande rilievo partendo dalla cosmesi, passando per borse, scarpe e finendo con l’home design.  Inoltre, per gli amanti dello shopping più selettivo – e anche più costoso – ci sono negozi (concept stores) nei quali si possono trovare pochi pezzi dallo stile altamente ricercato. Per gli amanti del food-shopping consiglio Dean & DeLuca all’angolo con Spring Street e Le Pain Quotidien a Grand Street. Il primo è conosciutissimo grazie al telefilm Felicity e vende delle cose deliziose, il secondo invece è una catena belga che propone cibo gourmet.

Il Dean & DeLuca nel quartiere di Soho a New York

Midtown

Se siete amanti delle griffe, dello shopping costoso e degli omaccioni in giacca e cravatta che aprono le porte dei negozi, allora Fifth Avenue fa proprio al caso vostro. Lì troverete tutti gli stilisti più acclamati, le catene sopra citate e alcuni negozi che vale veramente la pena di visitare come Henri Bendel, un negozio che vende di tutto, da braccialetti da 25 dollari a borse in pitone da non-so-quanti dollari. il negozio della Apple , che si trova sotto terra ed è sormontato da una struttura in vetro trasparente con tanto di mela morsicata in primo piano, il famoso Tiffany&Co, la storica boutique di lusso conosciuta per il famoso libro di Truman Capote e la celeberrima interpretazione di Audrie Hepburn e il più importante (e credo più grande) store di Abercrombie & Fitch con tanto di modello a dorso nudo esposto anche alle intemperie di dicembre.

La Fifth Avenue di New York

Times Square

Questo è il posto migliore per acquistare gadget. Ci sono centinaia di negozi che vendono targhe, tazze, accendini, penne… (di dubbia fattura cinese). Inoltre ci sono negozi simpatici come il Bubba Shrimps – vi ricordate di Bubba, l’amico di Forrest Gump che aveva la fissa per i gamberetti? –, l’Hard Rock Café, svariati negozi sportivi, il Planet Hollywood, il mega negozio degli M&M’s e tante altre catene di negozi. Menzione d’onore per il concept store al quinto piano del W Hotel: lì potete trovare cose molto carine e quasi sempre in saldo o a prezzi abbordabili, come smalti, cuffie per iPod, braccialetti, cinture, vestiti, scarpe e CD musicali. Tutti rigorosamente selezionati da esperti del settore.

Times square sotto la pioggia (foto di Spreng Ben)

Flea Market

Per gli amanti dei mercatini vintage, del baratto e dell’usato, non si può venire a New York e non visitare uno dei tanti flea market che affollano la città. Questi mercatini sono enormi spazi all’aperto che vendono – e talvolta barattano – di tutto e di più, come soprammobili kitch, grammofoni anni Trenta, utensili da cucina e borse vintage a cifre davvero irrisorie. Talvolta è facile imbattersi in angoli dedicati ad artisti locali che vendono i propri quadri oppure arredatori che vendono mobili particolari e costosi. Il flea market più grande si trova a Broadway, ma a Manhattan è facile trovarne tanti soprattutto durante i mesi estivi e nella prima parte della giornata. Io ho visitato sia quello di Times Square che quello su Medison Avenue della domenica pomeriggio.

Il flea market su Madison Avenue a New York

Interessante è anche lo shopping nella Lower East Side per i libri e i dischi in vinile, nel West Village per i negozietti etnici e nell’Upper Side per lo shopping con la S maiuscola. Spero di aver solleticato la vostra curiosità in merito e quindi vi lascio (per ora).  See you soon and take care, guys!

A proposito dell'autore

Assia Del Prete

Sono nata in provincia di Napoli, vivo ad Avellino. Laureata in Comunicazione e Marketing, amo leggere, il cinema, la moda e lo sport. Amo viaggiare, mio padre mi ha insegnato ad essere una persona molto curiosa e ad avere esperienza del mondo, infatti mi ha spronata a studiare 3 lingue e a viaggiare sin da quando ero bambina. Adoro la mia tradizione, ma non la cucina tradizionale, infatti sperimento sempre cose nuove, spesso facendo simpatici errori.

Post correlati

3 Risposte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: