Marzo, Aprile e Maggio sono i 3 mesi d’alta stagione a Siviglia. Nonostante i prezzi, questa è l’epoca migliore per visitare la città non solo perché usciamo dall’inverno e il sole scalda così tanto la città che costringe i turisti a mettersi in maniche corte, bensì anche perché in primavera Siviglia vive le due feste più importanti dell’anno: la Semana Santa e la Feria de Abril.

La Semana Santa di Siviglia

Vivere la Pasqua, o meglio l’intera Settimana Santa a Siviglia è qualcosa di indimenticabile. Durante tutta la settimana, la città è paralizzata dalle processioni religiose che sfilano tra vie brulicanti di gente.

Vari sono gli aspetti che impressioneranno un turista italiano durante la Settimana Santa di Siviglia: la quantità di gente coinvolta, il costante profumo dell’incenso, la sinfonia continua delle bande musicali che accompagnano le immagini religiose e soprattutto i nazarenos. Questi a prima vista possono sembrare personaggi usciti dal Ku Klux Klan, in verità sono migliaia e migliaia di penitenti che seguono la propria processione durante anche 8 ore in assoluta concentrazione.

Il culmine della Settimana Santa di Siviglia è sicuramente la madrugá, ovvero la notte del giovedì Santo.

La Semana Santa di Siviglia

La Feria de Abril: la festa più divertente di Siviglia

Due settimane finita la feste religiosa della Settimana Santa, Siviglia si converte in profana e mette in moto quella che è la celebrazione più colorata della Spagna.

In un angolo appartato della città viene allestita una città fittizia che durante una settimana riunirà milioni di persone ballando flamenco. È difficile descrivere la pazzia genuina della Feria de Abril. Qui troviamo al pomeriggio carri trainati da cavalli portare i sivigliani vestiti con colorati abiti e alla sera migliaia e migliaia di colorate lampadine accese sino a notte fonda.

Per godere la Feria de Abril bisognerà cercare di intrufolarsi in uno dei chioschi ed ordinare rebujito (vino bianco con gazzosa) e un piatto di jamón (prosciutto ibérico).

La Feria de Abril

Inebriarsi con il profumo della zagara

Siviglia è la città al mondo con più piante di arance. Queste producono frutti amari incommestibili, ma la loro utilità è quella di offrire ombra durante i pomeriggi roventi estivi.

Il momento migliore per apprezzare queste piante, però, è senza dubbio la primavera quando le piante si riempiono di minuscoli fiori bianchi che rilasciano un inconfondibile profumo in tutta la città. Huele a azahar è una delle classiche espressioni che sarà possibile ascoltare passeggiando nel centrico e autentico quartiere Santa Cruz di Siviglia.

arance a siviglia

Clima perfetto per visitare Siviglia

Da marzo a maggio le temperatura a Siviglia sono perfette e la pioggia di rado rovina l’epoca festiva sivigliana. Il cielo sempre azzurro e la luce che illumina la città conferiscono una sensazione di benessere che poche città in Europa possono vantare. Un bagno di sole ricostituente e una temperatura sia di giorno sia di notte che invitano il turista ad uscire e non tornare mai in hotel.

Vivere Siviglia all’aperto

Appunto il perfetto clima primaverile permette di godere la città di Siviglia in moltitudini aspetti. È possibile visitare Siviglia passeggiando, ma ancor più bello è girovagare in centro in bicicletta. Questa città, infatti, può vantare una delle migliori reti ciclabili d’Europa.

Un altro elemento da poter usufruire in primavera a Siviglia è sicuramente il fiume Guadalquivir. Oltre poter navigare da nord a sud lungo il corso d’acqua con una delle tante crociere, sarà un’idea magnifica quella di noleggiare un kayak. Sempre l’ottimo clima permette vivere le vie di Siviglia proprio come un cittadino locale.

Una delle cose che più amano i sivigliani, infatti, è quello di mangiare all’aperto in una delle fantastiche terrazze presenti in città. Tante altre sono comunque le cose da fare a Siviglia in primavera, oltre visitare gli immancabili monumenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.