Da appassionata di lettura posso dire che la Transilvania mi ha sempre attirato, non solo per il mito di Dracula nato dalla penna di Bram Stoker, ma anche per il fatto di dovere il suo successo proprio alla letteratura.

Chi lo sa in quanti avrebbero scoperto queste meraviglie se le righe di quella storia fantastica non fossero state scritte.

7 tappe da non perdere in Transilvania

Il nostro tour della Transilvania on the road è stato di 7 giorni e ci ha permesso di visitare, nonostante due bambini piccoli, sette bellissimi luoghi di questa parte di Romania.

Sibiu

Una visita in Transilvania non è completa senza un soggiorno a Sibiu, una delle sette cittadelle fortificate costruite dai sassoni della Transilvania nel Medioevo.

Le piazze della città vecchia sono difficili da perdere. Riuniscono la maggior parte dei monumenti storici della parte vecchia di Sibiu, e sono colme di caffè e ristoranti che le rendono una tappa popolare per i turisti.

La Piazza Grande è sicuramente la prima in cui si finisce sgranando gli occhi. Ampia e luminosa ospita il Palazzo Brukenthal, la Casa Blu, la Haller House e la Chiesa cattolica… ma anche tante case con una particolarità: i tetti con gli occhi di Sibiu. Piccole finestre dalla forma singolare sembrano scrutare tutti dall’alto.

Nella Piazza Piccola si trovano altre attrazioni iconiche come la Torre del Consiglio, il Ponte delle Bugie, la Casa di Hermes o la Sala degli Affreschi. Gli edifici di questa piazza risalgono al XIV e al XVI secolo e erano principalmente botteghe artigiane.

In piazza Huet, invece, si trova la chiesa evangelica del XIV secolo con la sua torre alta 73 metri (la più alta della Transilvania) sulla quale si può anche salire per una vista panoramica della città.

Non può mancare poi una passeggiata sul Ponte delle Bugie. Costruito nel 1859 da Friedrich Hutte il ponte ha molte leggende, la più famosa dice che crollerà se quelli che stanno su di esso stanno dicendo bugie.

Sighisoara

Questa città medievale incredibilmente ben conservata ci ha conquistati non appena siamo scesi dall’auto.

Situata a circa un’ora da Sibiu e un’ora e mezza da Brasov, Sighişoara porta a fare una sorta di salto nel passato. E’ fantastico vagare per le strette strade di ciottoli di  Sighişoara, ammirando le sue colorate case e le strade dal selciato irregolare.

La fortificazione della città è ancora in piedi in buona parte e molte delle torri difensive sono ancora visitabili. La più famosa è sicuramente la torre dell’Orologio che si trova praticamente all’altezza della piazza principale e a due passi per quella che è riconosciuta come la casa di Vlad III.

I visitatori vengono spesso a Sighişoara per seguire infatti le orme di Vlad il Dracula, che presumibilmente è nato a Casa Vlad Dracul, appena fuori dalla Torre dell’Orologio.

Brasov

Anche una tappa nella città di Brasov può far scoprire una città deliziosa.

Siamo stati nel cuore della città, nella piazza centrale, Piaţa Sfatului , dove si concentrava, e si concentra tutt’oggi, la vita cittadina. Al centro si trova il palazzo del consiglio e anche il moderno museo di Storia di Brasov.

Visibile dalla piazza si trova anche la Chiesa Nera: l’enorme chiesa gotica che deve il suo nome, non tanto a leggende di mostri e vampiri, quanto ad un incendio che ne ha cambiato il colore.

Abbiamo attraversato in tutta calma il labirinto di strade del centro storico, ammirando i suoi tetti spioventi e gli edifici in stile medievale, facendo capolino in boutique, caffè bohémien e ristoranti tradizionali che servono una deliziosa cucina ungherese-rumena.

Un ottimo modo per vedere la città dall’alto, e probabilmente salire sul Tampa Hill: si tratta del colle proprio affiancato alla città sulla cima del quale oggi è possibile ammirare l’enorme scritta in stile hollywoodiano BRASOV. La cabinovia porta in cima poi si può scendere a piedi o riutilizzando la cabinovia.

Castello di Bran

A 40 minuti di auto da Braşov si trova uno dei monumenti più conosciuti della Romania: il Castello di Bran. Questo nome non vi dice nulla? Forse se usiamo il suo pseudonimo Castello di Dracula vi suona più familiare.

Molti miti circondano questo posto. Viene legato al libro di Bram Stoker, ma ormai tutti sanno che Vald Ţepeş, il feudatario medievale con un debole per impalare persone disobbedienti che dovrebbe aver ispirato lo scrittore, non ha mai vissuto da queste parti.

Nonostante la fama e le critiche la sua importanza strategica era fondamentale in passato e, la magia del posto probabilmente sarebbe maggiore senza il corridoio di bancarelle che accompagnano alla risalita del castello.

Castello di Peles

Situato ai piedi dei Monti Bucegi nella pittoresca cittadina di Sinaia, il Castello di Peles è un capolavoro dell’architettura neorinascimentale tedesca, considerato da molti uno dei castelli più belli d’Europa.

Fu il primo castello europeo interamente illuminato dalla corrente elettrica. L’elettricità veniva prodotta proprio nel castello.

Vale anche la pena esplorare in città il monastero di Sinaia, fondato dal principe Mihai Cantacuzino nel 1695. Il monastero servì da residenza della famiglia reale fino alla costruzione del castello di Peles.

Sarmizegetusa Regia: The Legendary Capital of the Dacians

Nascosta tra le fitte foreste dei Carpazi, Sarmizegetusa Regia è una delle attrazioni storiche più antiche, più sorprendenti e misteriose della Romania.

La capitale della Dacia antica più di due millenni fa era il nucleo del sistema difensivo dacico prima della conquista romana dal II secolo d.C.. Oggi è invece uno dei sei sistemi di fortificazioni daci inclusi nei siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO da non perdere per gli appassionati di storia.

Il castello Corvino di Hunedoara

Il castello in stile gotico più spettacolare della Romania, fu costruito dalla famiglia Anjou sul sito di un ex campo romano.

Il Castello Corvino servì da fortezza fino alla metà del XIV secolo quando divenne la residenza del voivoda della Transilvania, Iancu de Hunedoara (Ioannes Corvinus in latino, Hunyadi in ungherese). Lancu ha potenziato la fortezza trasformandola in uno splendido maniero.

La struttura conservata perfettamente presenta una sontuosa Sala dei Cavalieri, un imponente ponte levatoio, cortili interni, una cappella e circa 50 camere splendenti di arte medievale.

A proposito dell'autore

Agnese Ciccotti

Ex agente di viaggi, mamma, expat, travel blogger. Vagando tra vari modi di essere un giorno ho deciso di dare una svolta alla mia vita, e visto che, fino a quel momento, i miei istinti di cambiamento si erano limitati al colore dei capelli, ho deciso di iniziare a visitare posti nuovi… con occhi nuovi…e con una penna in mano, è nato così Viaggi Zaino in Spalla e anche la mia nuova vita.

Post correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: