Viaggio in solitaria in Colombia

 

Diario di Viaggio di Cristina che da sola ha viaggiato per il sud America per diversi mesi: Colombia, Ecuador, Isole Galapagos. Quello che segue e’ il racconto, le sensazioni, riflessioni, pensieri della prima parte di questa avventura iniziata in Colombia: buona lettura.

Era tanto che volevo partire così… sapevo che il giorno prima mi avrebbe assalito quell’ansia strana, quella paura di non farcela, di non essere in grado. Destinazione Sud America, sola, con uno zaino più grande di me e soprattutto con una conoscenza dello spagnolo nulla. Destinazione Colombia, che nell’immaginario comune non è certo il Paese più tranquillo del mondo. Ma finalmente il 15 di giugno 2011 ho preso il volo ed è iniziata questa splendida e fortificante avventura…

Il mio percorso parte dai dintorni della città di Medellin dove ho iniziato a respirare l’atmosfera tipica delle zone interne del Paese e dove ho iniziato ad assaggiare i piatti  tipici e a bere litri di caffè. Poi ho preso al volo l’occasione di visitare una regione poco conosciuta, il Dipartimento del Chocò sulla costa occidentale.

Zona magnifica, selvaggia, dove la selva incontra il mare. Zona anche tristemente famosa per la sua pericolosità dovuta alla presenza di sacche di guerriglia (almeno così si dice) e per questo ormai praticamente disertata dai turisti. Ma non ho resistito, sono andata ed è stato emozionante condividere la tranquilla quotidianità del minuscolo villaggio di Playa Huina vicino a Bahia Solano e passeggiare sulla spiaggia circondata di bambini festosi e ansiosi di farsi fotografare.

E’ stato faticoso ma gratificante inoltrarsi nella giungla colombiana con una famiglia del posto alla ricerca dell’albero più grande che io abbia mai visto, terribile e commovente parlare con chi ha vissuto sulla sua pelle la guerra civile, perdendo chi il marito, chi il padre, chi il figlio. Mi sono sentita, se pur per pochi giorni, parte di quella comunità, di quel microcosmo sperduto e mi porto dentro  odori,  sapori, voci, tutto quello che ho visto…

Dopo questo vissuto di forte impatto, mi sono diretta verso nord raggiungendo la costa caraibica e una delle città più incantevoli di cui abbia memoria: Cartagena de Indias. Ho ancora negli occhi la sua magia, le bellezze architettoniche dello stile coloniale, l’allegria innata dei suoi abitanti, la confusione, la musica, i balli, le venditrici di frutta con i cesti sulla testa, gli autobus strombazzanti. Un delirio!

Lo stesso piacevole delirio che ho respirato lungo tutta la costa colombiana settentrionale. Dopo una settimana di Cartagena mi sono infatti spostata verso est fermandomi anche a Santa Marta, di cui ho apprezzato particolarmente i dintorni come il fantastico Parco Nazionale Tayrona.

Qui, per meglio gustare l’atmosfera del luogo, ho deciso, dopo una bella escursione,  di rimanere una notte a dormire nel parco. Dormire all’aperto su un’amaca davanti al burrascoso Mar dei Caraibi….addormentarsi e svegliarsi con il rumore delle onde è stata una esperienza tanto scomoda quanto indimenticabile!

E poi….il viaggio continua verso sud a Bucaramanga dove mi è mancato il coraggio di assaggiare la specialità locale: la famosa “Hormiga culona” (delle grosse formiche che si dice siano delle prelibatezze…) ma, non so dove, ho trovato il coraggio di lanciarmi con il parapendio! Che brivido! Ondeggiavo nell’aria e volavo, volavo davvero!

Magari qualcuno di voi non ci troverà niente di particolare ma…io soffro di vertigini! O forse dovrei dire…soffrivo? Verso sud ancora: eccomi nell’immensa Bogotà… ancora più gigantesca per me che sono nata e cresciuta in un paesino di 2500 anime.  La città di per sé non riesco a definirla “bella” ma mi ha comunque catturata, non saprei.

Forse, dopo una settimana passata a girarla in lungo e in largo, ne ho colto l’essenza, lo spirito, e l’ho apprezzata per quello che sa offrire:  ad esempio i numerosi eventi culturali e i musei interessanti ed economici come lo splendido Museo dell’Oro e udite udite  il museo di Botero che è addirittura gratis!

E dopo Bogotà….è arrivato il momento di visitare la famosa Zona Cafetera con le tre città di Pereira, Armenia e Manizales.

Sempre nella splendida zona delle piantagioni di caffè esiste un posto che consiglio a tutti: si tratta di un paesino surreale che si chiama Salento (sì sì proprio così!) dal quale si può raggiungere la Valle de Cocora con i suoi paesaggi indescrivibili dominati dall’albero simbolo nazionale della Colombia: l’altissima palma da cera che può raggiungere i 60 metri di altezza. Non esistono le parole giuste per descrivere la bellezza unica di Salento e della sua valle: bisogna andarci!

E’ l’unico modo per capire, credo… E via, via ancora verso sud: Cali, la città della salsa,  Popayan, denominata “la città bianca” perchè tutte le case, i palazzi, le chiese, sono dipinti di bianco e questo le dona una luce unica. Per ultima, ho visitato la città di Pasto dove si respira già un’aria di confine vista la vicinanza con l’Ecuador. E poi la frontiera e il passaggio in Ecuador, con il cuore che batte forte perché sa, lui lo sa bene, che inizia una nuova esplorazione…

Vuoi essere notificato al momento della pubblicazione di nuovi posts in questa sezione? Iscriviti gratis alla nostro RSS feed o Newsletter

Ogni lunedì pubblichiamo Diari di Viaggio, racconti e avventure scritti e/o suggeriti dai nostri lettori: sei da poco tornato da un viaggio e vuoi condividere la tua esperienza, il tuo diario di viaggio? Clicca qui.

Viaggiatrice solitaria: Galapagos, Ecuador

 

Questa settimana proponiamo il diario di viaggio di Cristina, una viaggiatrice solitaria che per diversi mesi ha viaggiato in sud America, visitando alcune delle località più belle e suggestive del mondo, come le isole Galapagos

[divide]

All’inizio di agosto, dopo quasi due mesi di Colombia, mi sono spostata in Ecuador sempre utilizzando l’autobus.

Per alcuni giorni ho alloggiato nella città di Ibarra nel nord del Paese poi mi sono spostata nella capitale Quito dove sono rimasta circa una settimana, tempo sufficiente per visitare la città e i suoi dintorni.

Affascinante la città vecchia con le sue piazze e le sue chiese e piena di vita, di locali e di giovani stranieri la città nuova. Per quanto riguarda i dintorni, da non perdere assolutamente il mercato di Otavalo, uno dei più grandi e suggestivi mercati indigeni dell’Ecuador dove si trova di tutto e dove, contrattando, si possono fare dei veri affari.

Poco lontano dalla  capitale si trova anche il famoso monumento della “Mitad del Mundo”  che dovrebbe essere esattamente sulla linea dell’equatore (ma ho scoperto che così non è!).

Dopo Quito mi sono spostata nella città di Guayaquil da cui ho preso un aereo per raggiungere il mio sogno: le isole Galapagos!

Da adolescente, quando sui banchi di scuola si studiava Darwin, ho la chiara immagine di me estasiata nell’ammirare le foto di quelle isole da sogno con i suoi strepitosi animali: le iguane, i leoni marini e soprattutto loro, le tartarughe giganti.

Non ci potevo credere (ancora adesso faccio fatica a crederci per la verità): il giorno di ferragosto 2011 ho posato i miei piedi sulla tanto sognata terra.  Ho avuto una settimana a disposizione per vivermi l’arcipelago, tempo di sicuro non sufficiente,  ma ho cercato di visitare almeno le 4 isole abitate: Santa Cruz, Isabela, San Cristobal e Floreana.

Sono rimasta i primi giorni a Santa Cruz  dormendo nell’alberghetto più economico trovato e facendo  tour giornalieri che sconsiglio vivamente in quanto si ha pochissimo tempo a disposizione per visitare  le isole.

Poi mi sono trasferita nell’isola di San Cristobal dove ho pernottato un paio di notti e questo mi ha permesso di visitare abbastanza bene questo splendido luogo e di assaporarne l’essenza. Che dire del paradiso Galapagos? Non saprei davvero come raccontarle in poche righe.

Non credo sia possibile riuscire a descriverle come meritano. Ogni descrizione risulta superficiale e “fredda”. Sono quei luoghi di bellezza ultraterrena, di fascino primordiale, di atmosfera unica che bisognerebbe vedere con i propri occhi. Chi ama la Natura e gli animali selvatici ne rimarrà estasiato come è successo alla sottoscritta.

Di ritorno dall’avventura alle isole di Darwin, mi sono dedicata all’Ecuador anche se purtroppo, a differenza della Colombia, non sono riuscita, per questioni di tempo, a visitarlo come avrei voluto. Paese piccolo ma ricco di ambienti totalmente differenti, carico di atmosfere d’altri tempi.

Ritornata a Guayaquil ho preso l’ennesimo autobus destinazione Cuenca, una città dell’interno. Ho dedicato alcuni giorni a passeggiare per le vie del centro, senza fretta come piace a me, alla ricerca dell’essenza del posto.

Durante il mio soggiorno a Cuenca ho trascorso una giornata visitando le rovine di Ingapirca, il più suggestivo sito Inca dell’Ecuador.

Poi risalendo il Paese mi sono ritrovata a Riobamba, una città di per sé non particolarmente attraente, ma immersa in uno scenario andino da cartolina.  Per godermi al meglio il fascino delle Ande ho partecipato ad una sorta di gita su un trenino turistico che, diverse volte a settimana, percorre il tratto fra le due località di Alausì e Sibambe raggiungendo quello che viene chiamato “el nariz del diablo”.

Il tutto molto turistico ed organizzato con tanto di ballerini in costume e rinfresco all’arrivo per i passeggeri. Ma a parte questo, che non riscuote di solito il  mio gradimento, posso dire che ne è valsa la pena:  attraverso la zona nota come “il naso del diavolo” è infatti possibile ammirare panorami davvero spettacolari e mozzafiato.

Il cammino prosegue attraverso la cordigliera andina, dove faccio tappa prima nella vivace cittadina di Guaranda e poi nel piccolo villaggio di Salinas dove finalmente si materializza davanti ai miei occhi l’immagine che sempre ho avuto di questo Paese.  L’ho scoperto davvero qui,  a 4300 metri di altitudine, tra lama e alpaca che ti osservano dalle soglie di case come cagnolini, la bellezza e i colori dei costumi indigeni, le donne con i bambini sulla schiena: ecco il “vero” Ecuador!

Luogo sperduto e interessante per i turisti alternativi, il cui parroco è niente meno che un veneziano che vive lì da più di 35 anni e ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo dell’economia locale attraverso la nascita di cooperative di produttori. Salinas è infatti conosciuto per i suoi prodotti tipici: formaggi, cioccolata, torrone e gli immancabili (e indispensabili considerato il clima particolarmente rigido) maglioni, berretti, sciarpe e quant’altro realizzati in lana di alpaca.

Senza nessun itinerario prefissato e decidendo di giorno in giorno, mi sono poi diretta nuovamente verso la capitale attraverso quella che viene chiamata “la via dei vulcani” e a Quito sono rimasta un altro paio di notti.

L’ultima tappa in Ecuador è stata Tulcan, cittadina di confine, famosa per il suo cimitero! Ero un po’ scettica a riguardo ma in effetti il giardino ornamentale del cimitero è qualcosa di spettacolare ed è diventato la vera attrazione della città.  A questo punto è giunta l’ora di riattraversare la frontiera ritornando in Colombia dove ho trascorso l’ultima settimana del mio viaggio in attesa del volo che mi avrebbe riportato in Italia.

Come avevo previsto il ritorno non è stato semplice. Sono bastate poche settimane “ferma” per farmi sentire la forte necessità di partire di nuovo. E d’altronde…”zingari” si nasce….  

 

In ostello per un weekend in Valtellina

Sabato primo settembre, dopo un lungo viaggio in auto accompagnati da una pioggia incessante, arriviamo finalmente a Sernio, piccolo e grazioso borgo della Valtellina. Qui alloggiamo all’ostello “Il Seicento”, una grande casa completamente rinnovata ma risalente appunto a quell’epoca. Splendida la struttura, ottimi i servizi riservati agli ospiti e grande disponibilità e gentilezza dei proprietari … Continua