Il nostro video a Hoi An: vivere come uno del posto in Vietnam

Continua la serie dei nostri video girati durante il nostro viaggio in Vietnam.

In questa puntata vi faremo vedere com’è possibile vivere come uno del posto, in una delle città più belle e suggestive del Vietnam: Hoi An.

2 mesi a Hoi An

A Hoi An abbiamo vissuto per 2 mesi, un periodo molto intenso nel quale ci siamo inseriti nella vita quotidiana e nelle usanze locali.

Abbiamo affittato una casa in centro città, a due passi dal mercato principale di Hoi An: una zona residenziale, decisamente non turistica, abitata da un ceto sociale basso. I nostri vicini di casa, vivevano con poco e in uno spazio ridotto: due stanze è una cucina per una famiglia di 6 persone, composta da genitori, due figli piccoli e i genitori del capofamiglia.

Essendo nostri vicini di casa, abbiamo trascorso diverse giornate in loro compagnia e se pure non parlassero l’inglese, a parte pochissime parole, siamo sempre riusciti a comunicare e a farci capire, trascorrendo del tempo assieme di qualità e del tutto sincero e genuino.

In questo video ci si può rendere conto di come vivere una città non da turista, permetta di vedere e capire cose che al viaggiatore di passaggio sfuggono: come vivono realmente gli abitanti del luogo, il costo della vita, le usanze e le tradizioni locali.

In questo video in particolare, vi racconteremo anche delle Celebrazioni per il nuovo anno vietnamita (il famoso Tet), la festa più importante dell’anno, dove tutto si ferma e le famiglie si riuniscono per celebrare. Tre giorni nei quali nessuno lavora, e perfino il Mercato Centrale di Hoi An chiude i battenti e non si vede anima viva.

Un periodo di festa, dove si dimenticano le fatiche quotidiane e ci si gode il riposo e l’affetto della famiglia, anche se solo per pochi giorni. Poi di sera tutti in centro, a festeggiare, tra fuochi d’artificio e giochi popolari.

Hoi An e lo street food del Vietnam con i bambini

Tre mesi. È il tempo che abbiamo trascorso viaggiando in Vietnam, un’esperienza indimenticabile che ci ha permesso di immergerci nella cultura, nelle tradizioni e nella vita quotidiana di questo affascinante paese del Sud-Est asiatico. Durante questo periodo, abbiamo catturato momenti speciali e avventure entusiasmanti in numerosi video che potete trovare sul nostro canale YouTube Thinking Nomads.

Il nostro viaggio ha avuto una tappa principale: Hoi An, una cittadina situata nella parte centrale del Vietnam, dove abbiamo deciso di stabilirci per ben due mesi e dove ho scritto un articolo con per un viaggio in Vietnam fai da te – Cosa fare a Hoi An.

Hoi An è una gemma coloniale, con edifici storici ben conservati, strade pittoresche e un’atmosfera che mescola antico e moderno. Nonostante sia una meta molto turistica, Hoi An non ha perso il suo fascino unico. Le lanterne colorate che illuminano le serate, i mercati vivaci e il fiume Thu Bon che attraversa la città, creano uno scenario magico e affascinante.

Durante il nostro soggiorno, abbiamo affittato una casa su tre piani a pochi passi dal centro storico e dal fiume. A soli 500 dollari al mese, abbiamo avuto la fortuna di vivere in una posizione strategica che ci ha permesso di esplorare la città in tutta comodità. La nostra casa era spaziosa e ben arredata, offrendo un rifugio confortevole dopo le giornate passate a esplorare Hoi An e i suoi dintorni.

Street Food in Hoi An

Una delle esperienze più memorabili è stata senza dubbio la scoperta dello street food di Hoi An. La città è famosa per la sua cucina di strada, che offre una varietà di piatti deliziosi e autentici. Abbiamo assaggiato il famoso Banh Mi, un panino ripieno di carne, verdure e salse, e il Cao Lau, una specialità locale a base di noodles, carne di maiale e verdure. Ogni boccone era un’esplosione di sapori, e ci siamo divertiti a scoprire nuovi piatti e a sperimentare con i gusti. In fondo al post trovate il nostro video sullo street food ad Hoi An.

Oltre allo street food, abbiamo visitato numerosi ristoranti tipici, ognuno con il proprio stile e la propria offerta culinaria. Da ristoranti di lusso con vista sul fiume a piccoli locali nascosti nelle stradine del centro storico, ogni pasto era un’opportunità per conoscere meglio la cultura vietnamita attraverso il cibo.

La gente del posto in Hoi An

Un altro momento speciale del nostro soggiorno a Hoi An è stato quando siamo stati invitati a pranzo da una famiglia locale. Questa esperienza ci ha permesso di entrare in contatto con la vita quotidiana dei vietnamiti e di apprezzare la loro ospitalità e generosità. Abbiamo gustato piatti casalinghi preparati con ingredienti freschi e genuini, e abbiamo trascorso un pomeriggio indimenticabile chiacchierando e imparando di più sulle tradizioni e le usanze locali.

Abbiamo racchiuso tutte queste esperienze nella prima parte del video che abbiamo pubblicato sul nostro canale YouTube. Se non lo avete ancora fatto, vi invitiamo a iscrivervi per non perdere i prossimi aggiornamenti e per seguire le nostre avventure in Vietnam e oltre. Nel video, vi mostriamo non solo le bellezze di Hoi An, ma anche momenti di vita quotidiana, consigli su cosa vedere e fare, e suggerimenti su dove mangiare e cosa assaggiare.

In conclusione

In conclusione, questi tre mesi in Vietnam, e in particolare i due mesi trascorsi a Hoi An, sono stati un viaggio straordinario che ci ha arricchito non solo dal punto di vista turistico, ma anche umano. Abbiamo imparato a conoscere una cultura affascinante, a rispettare tradizioni diverse dalle nostre e a apprezzare le piccole cose della vita quotidiana. Vi invitiamo a scoprire di più attraverso i nostri video e a lasciarvi ispirare dalle nostre avventure per i vostri futuri viaggi.

Il nostro Video sullo Street food in Hoi An

Buona visione e come sempre fateci sapere cosa ne pensate dei nostri vlog.

Consigli di viaggio per Nha Trang, Vietnam (anche per famiglie)

Nha Trang in Vietnam è una destinazione che è cambiata parecchio negli ultimi 10 anni. Da piccola cittadina di provincia si è trasformata in un centro turistico tra i più importanti del Vietnam. Grattacieli ovunque, resort in costruzione e si ha sempre la sensazione di vivere in mezzo a dei lavori in corso.

Negli ultimi anni è aumentato di dismisura il numero di turisti russi e cinesi: in pratica si trovano ovunque ristoranti con menù in russo e cinese, oltre che l’inglese. Anzi, in alcune zone il menù in inglese non esiste proprio.

Una vacanza qui con la famiglia non la consiglio, o meglio: se si è di passaggio si può pensare di spendere qualche giorno qui, ma non ci passerei più di una settimana.

Noi ci siamo fermati circa 10 giorni, è la cosa migliore che abbiamo fatto è stata quella di provare lo street food, che è decisamente tra i migliori di tutta la nazione.

Con lo street food qui si va sul sicuro, non abbiamo mai avuto problemi: cercate solamente di andare nei posti dove c’è gente, magari dove vedete famiglie con bambini.

Le nostre due bambine hanno mangiato di tutto e non abbiamo mai avuto problemi: ottima cucina, piatti deliziosi e a pochissimo prezzo.

Lo Street food lo trovate ovunque ai bordi delle strade in zone dedicate: Vinh Tho è il quartiere con un numero infinito di ristoranti, chioschi e donne che preparano cibo a bordo strada (street food). Si mangia anche pesce qui, sempre fresco e buono: con 5 dollari si mangia pesce alla griglia con contorno. Provatelo.

Per quanto riguarda attrazione da vedere, nel video che vi propongo qui sotto, e che abbiamo girato durante il nostro soggiorno a Nha Trang,  troverete alcuni siti turistici. Di rilievo il tempio Po Nagar e Long Song Pagoda dal quale si ha una vista a 360 gradi sulla città.

Sempre a Nha Trang si trova anche il Vinpearl Land Amusement Park, un parco divertimenti enorme, che attrae turisti non solo dal Vietnam ma anche dalle altre nazioni dell’Asia. Non ci siamo stati perché abbiamo preferito fare altro, ma per coloro che amano questo genere di cose, vale sicuramente la pena una visitarlo.

Long Song Pagoda

Per quanto riguarda l’alloggio, a Nha Trang si trova di tutto, con prezzi che vanno dalle €10 per una stanza doppia in una Guest House a una stella, a hotel 5 stelle e Resort di lusso.

Noi abbiamo optato per un appartamento che abbiamo trovato su airbnb, comodo è relativamente centrale: nel video vedrete anche questo. Il prezzo che abbiamo pagato è di 18 dollari a notte tutto incluso, con internet e anche Netflix inclusi.

A Nha Trang ci si arriva  sia in treno da Ho Chi Minh City, ma anche in aereo da varie città del Vietnam. Se arrivate direttamente dall’Italia, probabilmente dovrete volare su HCMC  e poi prendere un volo interno. Con una ricerca su google flight si trovano ottime offerte.

Dimenticavo: le foto dall’alto le abbiamo scattate con il nostro drone, così come i clip che trovate nel video.

In ogni modo date un’occhiata al video e fateci sapere come sempre cosa ne pensate. 

I treni del Vietnam più moderni di quelli italiani? Il nostro vlog

Come sono i treni del Vietnam? Decisamente più moderni di quelli italiani, almeno su certe tratte. Nel vlog che trovate di seguito vi mostriamo il nostro viaggio in treno da Ho Chi Minh City a Nah Trang: 7 ore di treno in cuccetta, con partenza alle 9 di mattina e arrivo alle 4 di pomeriggio. Vagoni di prima classe con scompartimenti da 4 cuccette con prese elettriche per ricaricare cellulari e computer, tavolino, luce per la lettura, lenzuola e coperta. Incluso nel prezzo anche un pasto (non male, simile a quello delle compagnie aeree) che trovate nel vlog. I bambini sotto i 5 anni viaggiano gratis a condizione che dividano il letto con un adulto. Il prezzo del biglietto per questa tratta è di circa 20 dollari per adulto, non male se si considera che un volo aereo costerebbe 5 volte tanto.

Il viaggio è comodo, piacevole e anche divertente: come vedrete nel video abbiamo condiviso la cuccetta con una signora vietnamita con due gemelle dell’età di Isabella. Una bella esperienza che ci ha fatto capire ancora una volta come i vietnamiti siano un popolo accogliete e amichevole: questa signora ha condiviso con noi le provviste che aveva portato per il viaggio in treno per lei e le sue bambine. Un gesto che abbiamo apprezzato molto, perchè non c’è niente di meglio del venire trattati come ospiti graditi in un paese straniero. Non parlavamo la stessa lingua eppure siamo riusciti a comunicare e farci capire lo stesso.

Le nostre bambine poi si sono divertite a giocare con le bambine vietnamite, facendo passare i minuti e le ore più velocemente di quello che ci aspettavamo.

Vi consigliamo, se state pianificando un viaggio in Vietnam, di provare l’esperienza del viaggio in treno, anche per brevi tratte, per rendersi conto di come efficiente questo servizio sia e avere la possibilità di venire a contatto con la popolazione locale.

Dimenticavo: meglio prenotare il posto in treno qualche giorno prima della partenza. Lo si può fare anche online qui

Buona visione..

 

Viaggiare in Vietnam con i bambini: vlog #1 del nostro viaggio a Ho Chi Minh City

Viaggiare in Vietnam con i bambini: questa è la nostra esperienza a Ho Chi Minh City, conosciuta anche come Saigon, con le nostre due bambine di 2 e 4 anni.

Cosa abbiamo fatto a Saigon? Non non i soliti giri ed escursioni da turisti, ma sperimentato il cibo da strada (sì, le anche le nostre bimbe che lo adorano), passeggiato per i vicoli stretti del centro storico dove si vede la vera vita dei cittadini di Saigon. Ma anche templi e antiquariato, parchi e shopping. Ma non solo: le bambine si sono anche rifatte l’acconciatura in un salone locale, per 2 euro a testa.. Tutto questo nella prima parte del nostro video girato interamente a Ho Chi Minh City.

Una città caotica ma affascinante, dal traffico intenso e confuso ma dove si possono trovare anche piccole oasi di pace, come i parchi cittadini e zone pedonali. Saigon non è nemmeno cara: si trovano hotel in centro per 20 Euro a notte, si mangia in ristoranti tipici per 2 Euro a piatto e si beve birra anche per soli 50 centesimi per un pinta. Ci si sposta con Uber per 1 o 2 euro, il modo più efficace di spostarsi in città. Insomma, una città insolita e da scoprire.

Ci stavamo dimenticando dello shopping: molti marchi internazionali di abbigliamento hanno la propria produzione in Vietnam e di conseguenza in città come Saigon si trovano outlet e negozi dove si trovano appunto capi firmati ad un prezzo decisamente inferiore rispetto ai prezzi dei negozi europei. Vanno cercati ma si trovano facilmente e spesso si deve trattare sul prezzo, non accettando da subito quello proposto dal negoziante.

Fateci come sempre sapere cosa ne pensate del video e se vi piace iscrivetevi al nostro canale YouTube e condividete questo post. Al prossimo video che sarà la seconda parte del nostro viaggio a Saigon.

 

Nimble fingers: la storia delle operaie vietnamite nelle fabbriche straniere

In un mondo in cui il capitalismo e la ricerca del profitto si traducono spesso in sfruttamento e privazione dei diritti personali, i paesi in via di sviluppo si mostrano con drammatica durezza come il volto più oscuro e perverso di questo sistema nato in Occidente. Per indagarne i meandri più intimi e nascosti, Parsifal … Continua